Team Building in Villa

16 febbraio 2016 @18:17

Il Team Building permette l’emersione spontanea di soluzioni a criticità e problematiche aziendali.

Il lavoro è stressante, ti sottopone ogni giorno a mille sfide, a forti pressioni, a un continuo logorio dei nervi.
Lavorare in squadra rischia di moltiplicare ansie e problemi.

Lo hai notato anche tu, no? I tuoi collaboratori si evitano, non si parlano, si rimbalzano responsabilità e colpe, si guardano in cagnesco…

Tutto ciò, oltre che avvelenare il clima sul posto di lavoro, causa cali di rendimento, mancata comunicazioni tra i reparti, aumento di spesa e, ultimo ma non ultimo, l’esaurimento della tua pazienza.

Come risolvere il problema senza ricorrere a severe punizioni corporali (illegali oltre che inutili)?
Una delle soluzioni più efficace si chiama Team Building.

Si tratta, in breve, di una serie di attività che coinvolgono tutta la tua squadra, tese ad appianare le divergenze, valorizzare i punti in comune, costruire un rapporto di collaborazione tra le singolarità, a sviluppare un senso di appartenenza. A costruire, insomma, un gruppo di lavoro.

 

Col Team Building imparare a fare squadra può essere piacevole

Tu e i tuoi collaboratori potrete imparare a “fare squadra” con pratiche divertenti ed efficaci. Sì, perché il Team Building è tanto più efficace quanto più è svolto con piacere dai partecipanti. Essi devono divertirsi, non sentirsi oppressi dal dovere di collaborare coi colleghi.
L’idea è quindi, di affrontare le dinamiche di relazione professionale e di comunicazione, creando un ambiente amichevole, fuori dal luogo di lavoro.

Il Team Building è seguito da un istruttore professionista, il coach, che redige il programma, sceglie le attività, ne controlla lo svolgimento e relaziona sui risultati.
Insieme al coach, dovrai stabilire gli obiettivi che vuoi raggiungere grazie al Team Building.

Devi anche stabilire:

  • il budget necessario al successo dell’iniziativa, tenendo conto che gli eventi all’aperto costano mediamente di più di quelli al chiuso;
  • il periodo più adatto per l’iniziativa, meglio se la organizzi in orario d’ufficio: i tuoi colleghi apprezzeranno;
  • le attività che i partecipanti dovranno fare durante l’evento: sfide a squadre, prove di cucina, rafting, tiro con l’arco ecc.

 

Durante il periodo del Team Building, tutti i partecipanti si danno del tu ed eliminano titoli e gerarchie, il principio è che si parte tutti alla pari, tutti insieme. E insieme si arriva al traguardo.

Coloro che presentano maggiori criticità vanno messi insieme, spinti a collaborare, a socializzare, ad appianare le divergenze.

Alcuni giorni dopo la fine dell’evento, ogni partecipante ti fornirà un parere, anonimo ovviamente, sull’evento: cosa ha funzionato, cosa si può migliorare, a cosa gli è stato utile ecc.

Le attività che si possono svolgere durante il Team Building sono molteplici:

  • rafting,
  • orienteering,
  • caccia al tesoro,
  • prove di cucina,
  • cena con delitto,
  • performance teatrali,
  • workshop,
  • artigianato,
  • quiz,
  • karaoke.

 

Funziona molto bene il mix tra attività di gruppo e prove individuali.

Qualunque sia la scelta delle attività, è fondamentale che sia tesa all’obiettivo che ti sei posto all’inizio e che è il motivo dell’organizzazione dell’evento.

Le attività di Team Building si possono svolgere al chiuso (indoor) o all’aperto (outdoor) a seconda delle esigenze e del budget a disposizione.

Villa Bernardini è attrezzata per entrambe le possibilità disponendo di un parco di 8 ettari e di sale proiezioni, cucine e salette da utilizzare per varie attività.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

ULTIMI ARTICOLI