Archivio di Stato Lucca

Questa scoperta ha risollevato lo spirito mio e dato nuova lena allo mio intento…

Assolvere a la missione da me medesimo assegnatami, introdurre le Signorie Vostre addentro a la storia di Lucca e de le famiglie che grande la fecero, si rivelò, per un instante invero lunghissimo, impresa assai ardua.

I carteggi sui quali, secondo usi e consuetudini scolpiti nello tempo, leggevansi storie e accadimenti fedelmente riportati da artisti amanuensi, non dimorano più, come d’abitudine, nelle residenze de le grandi famiglie patrizie.

 

I preziosi scritti riportanti la memoria di secoli, ivi compresi quelli appartenuti a la mia famiglia, fanno oggidì bella mostra di sé in un palazzo Guidiccioni che appartenne alla famiglia Guidiccioni, sito nella piazza omonima. L’edificio ospita ciò che, nel tempo de la Italia unita in unica Repubblica, prende lo nome di Archivio di Stato.

In tale luogo è serbata la memoria che sarà dei posteri.

Storia delle famiglie lucchesiQuesta scoperta ha risollevato lo spirito mio e dato nuova lena allo mio intento: or dispongo di una fonte di sapere e di memoria senza eguali.

Mi sia lecito allor, manifestar gratitudine ai messeri e alle dame preposti a gestir codesto tempio laico de lo Sapere e de la Memoria.
Addentrandomi in sì ben tenute e ordinate stanze, respiro la dedizione e l’amor perfino, che li responsabili donano alla mansione loro.

L’emozione allor si desta in me e l’ammirazione.

In cor mio il desiderio e la speranza sbocciano come rose ne lo mese di maggio:

la speranza di sufficienti risorse destinate a lo Archivio e a similari opere de lo umano ingegno;

il desiderio di principiare lo viaggio nostro alla scoperta delle infinite meraviglie della mia Lucca.

Orsù dunque, andiamo.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.